fbpx

Bitcoin e i suoi fratelli: breve panoramica delle criptovalute

di Alessandro Bassi

Avendo superato a fine novembre la barra simbolica di 10.000 dollari, possiamo tranquillamente affermare che la corsa di Bitcoin non accenna a rallentare. Questa, però, non è l’unica moneta elettronica: esistono infatti migliaia di valute criptate, alcune delle quali valgono solo pochi centesimi. Qui di seguito le più importanti:

Bitcoin

Bitcoin è la stella della criptovaluta, l’unica veramente conosciuta dal grande pubblico, creata nel 2008 dal misterioso Satoshi Nakamoto – si ignora infatti se sia una persona o un gruppo: Elon Musk, per esempio, ha recentemente negato di essere dietro questa identità. Basata sulla tecnologia blockchain, si tratta di un sistema di archiviazione e trasmissione di informazioni che opera senza un organo di controllo centrale. Quando due utenti si scambiano valuta crittografata, sono gli unici due ad avere accesso alla transazione, il che rappresenta un vantaggio in termini di sicurezza. Un blockhain può essere paragonato a un libro di conti, dal momento che tutte le transazioni sono elencate al suo interno, il che consente anche di garantire la sicurezza delle operazioni.

Il numero di Bitcoin in circolazione è limitato. Nuovi bitcoin verranno emessi solo fino al 2140 – OK, c’è ancora tempo … – e sono previste 21 milioni di unità.

Raggiungendo i 10.000 dollari, Bitcoin ha attirato l’attenzione dei principali media, non solo quelli finanziari ma anche del grande pubblico. Molti osservatori si aspettano lo scoppio della bolla, altri (come Joseph Stiglitz, Premio Nobel per l’economia nel 2001) addirittura pensano che Bitcoin dovrebbe essere illegale. Altri pensano che un giorno Bitcoin possa sostituire il dollaro come standard per le transazioni internazionali.

Molti specialisti di valuta criptati sottolineano il fatto che le previsioni di scoppio della bolla erano già state fatte quando Bitcoin ha superato i 100 dollari, poi i 1.000, poi i 5.000. Dal punto di vista finanziario, però, la moneta si porta benissimo: crescendo a ritmi record, ha già polverizzato i 14.000 dollari, con incrementi giornalieri anche di 1.000 dollari.

 

Ether

Se i Bitcoin sono oro, Ether è spesso paragonato all’argento.

Questa criptovaluta è stata sviluppata da uno scienziato informatico russo-canadese di 19 anni, Vitalik Buterin. Lanciato il 30 luglio 2015, Ethereum, la piattaforma che supporta Ether, ha visto un forte aumento del suo valore da marzo 2017, superando il limite di 500 dollari nello stesso momento in cui Bitcoin ha passato la soglia dei 10.000.

Ethereum, come Bitcoin, si basa su blockchain. La sua tecnologia è però molto più avanzata, e da molti è indicata come il possibile successore di Bitcoin. Alcuni sostengono che Ethereum potrebbe essere persino più rivoluzionario dell’intelligenza artificiale, modificando radicalmente e migliorando il modo in cui tutte le transazioni avvengono. La blockchain di Ethereum potrebbe sostituire figure come notai o avvocati, svolgendo il ruolo di “terza parte fidata” durante una transazione e mettendo in atto in pochi secondi un contratto impeccabile, molto più efficace di un umano.

 

Litecoin

Basato sulla tecnologia Bitcoin, Litecoin è una delle più popolari criptovalute dopo le due precedenti.

Creato nel 2011 da Charles Lee, ex dipendente di Google, che ha lasciato il codice sorgente di Bitcoin (open source), per sviluppare il proprio codice, Litecoin è una criptovaluta distribuita con licenza gratuita.

La blockchain su cui si basa Litecoin è stata migliorata rispetto a quella di Bitcoin. Ciò ha contribuito in particolare ad accelerare il processo di verifica e aumentare così la velocità delle transazioni, attualmente superiore a quella dei suoi concorrenti. Litecoin è quindi particolarmente indicato per le transazioni quotidiane.

Come Bitcoin e la maggior parte delle criptovalute, Litecoin verrà prodotto in un numero limitato. Il tasso di emissione segue una serie geometrica che dimezza ogni 840.000 blocchi, raggiungendo infine 84 milioni di LitecoinsPer dare un’idea del valore, se Bitcoin ha superato il limite di 10.000 dollari e Ether il 500, il Litecoin ha passato i 100 dollari per unità.

 

IOTA

È la valuta crittografata in ascesa. Se l’Ether è rivolto verso “contratti intelligenti”, IOTA è legato all’IoT.

Creato nel 2015 da David Sonstebo, Sergey Ivancheglo, Dominik Schiener e Dr. Serguei Popov, IOTA si basa su una tecnologia che consente transazioni gratuite e istantanee tra macchine nell’ambiente Internet of Things.

Diversamente da Bitcoin e dalla maggior parte delle criptovalute, tutte le unità IOTA sono state create (2.779.530.283 in totale). Lo IOTA si distingue anche dalle altre criptovalute in quanto non si basa sulla tecnologia blockchain sopra menzionata. Si basa sulla tecnologia Tangle, completamente decentralizzata, che consente transazioni senza alcun costo, sicuro, immediato e preciso.

Le applicazioni sono numerose. Lo IOTA consente micro-transazioni poiché non ci sono tasse, suscitando l’interesse di molte aziende, comprese le piccole imprese. La tecnologia Tangle su cui si basa lo IOTA può anche essere utilizzata per trasferire dati, per impostare i voti elettronici o anche servire come base per l’e-mail crittografata. Lo IOTA potrebbe anche essere usato nel settore dell’economia condivisa.

Lo IOTA ha visto una rapida crescita del suo corso passando in meno di una settimana da pochi centesimi a più di 3 dollari per unità. Questo interesse è spiegato dall’annuncio di una partnership con importanti aziende come Microsoft, Samsung, Cisco o Volkswagen.

 

Monero

Creato nel 2014, Monero (che significa “pezzo” in esperanto) non si basa sul codice Bitcoin ma sulla tecnologia del criptotopo.

È più sicuro, garantisce l’anonimato ai suoi utenti (la quantità di transazioni è anche impossibile da vedere dall’esterno) e soprattutto è scalabile, il che garantisce che possa supportare l’aumento previsto del volume delle transazioni negli anni a venire.

L’algoritmo che gestisce l’estrazione di Monero è anche descritto come superiore a quello di Bitcoin per numero di utenti, poiché consente agli utenti di estrarre senza problemi. Monero fa molto affidamento sulla comunità che lo supporta.

 

NEO

Alcuni chiamano NEO “l’Ethereum Cinese”. Fondata da Da Hongfei, NEO si pone come IOTA nel settore “smart economy”. “Speriamo che la piattaforma possa essere utilizzata in una varietà di scenari incluso uno scenario front-end, come portafogli di risorse digitali, forum, sistemi di votazione, gestione dei profili e applicazioni mobili. La piattaforma ha anche un’API aperta che può essere utilizzata per integrare NEO con un’altra architettura software “, ha spiegato Da Hongfei.

Il NEO ha superato i confini della Cina per diventare un attore globale. Persino il divieto della Cina di utilizzare criptovalute non sembra averlo influenzato, superando il valore di $ 40.

Rispetto all’Ethereum, il NEO ha alcuni vantaggi, incluso avere più supporti di programmazione, che dovrebbe consentire a molti nuovi sviluppatori di partecipare alla sua crescita. Per semplificare, è un sistema più aperto, che dovrebbe stimolare l’innovazione.

2017-12-11T09:21:56+00:00

Leave A Comment