Lo studio di “The innovation group”: nelle aziende del manifatturiero manca ancora la percezione dell’utilità del machine to machine, e i manager faticano a fissare obiettivi strategici. Anche a causa della carenza di competenze digitali.

L’Internet of things fatica a fare breccia all’interno del comparto manifatturiero italiano, dove i manager non sono ancora abbastanza consapevoli dell’utilità del machine to machine, e non riescono a individuare gli obiettivi e la valenza strategica di queste tecnologie. Sono i risultati della ricerca “Internet of Things: sono pronte le imprese  italiane?”, pubblicata da The Innovation Group, in cui si analizza il livello di conoscenza e di diffusione delle tecnologie IoT all’interno delle imprese.

Basata su un campione di 295 aziende con sede in Italia, soprattutto del settore industriale, la ricerca mette in evidenza alcuni aspetti critici nella diffusione delle tecnologie IoT, che possono essere degli spunti di riflessione aggiuntivi per l’implementazione di piani e progetti sistemici, come ad esempio il Piano Industria 4.0. Una criticità è data dalla mancata percezione dell’utilità dell’IoT all’interno delle imprese, da cui deriva anche la difficoltà di individuare obiettivi strategici.

Leggi di più..